Chi sono

Elisabetta Marconi – attrice e regista teatrale, cuoca appassionata, paper artist.


Dal 1996 al 2001 è stata attrice, regista e socia fondatrice dell’Associazione “Teatro dei Cinquequattrini” con cui conduce laboratori teatrali nelle scuole. Dal 2001 al 2011 è attiva nell’Associazione “L’Attoscuro Teatro” come organizzatrice, attrice e regista, conduce laboratori, principalmente per adulti, nel teatro F. Rosaspina di Montescudo.

Collabora negli anni con: Compagnia “Questa Nave” “Serra teatro” e “Maan ricerca e spettacolo”.

Per il teatro Rosaspina di Montescudo realizza buffet ispirati alle opere esposte nella sala “Kuore, la stanza delle arti” all’interno della rassegna teatrale “Tagliati su misura”.

Trasferitasi a Parma, in collaborazione con Legambiente, conduce un laboratorio sul tema dei rifiuti finalizzato allo spettacolo “Alla ricerca del pianeta perduto” (spettacolo per ragazzi) dove costumi e scenografie sono realizzati con materiale di recupero. Si appassiona all’Arte del riciclo realizzando oggettistica e bigiotteria di carta, bambole, costumi e allestimenti di origami.

Collabora con l’associazione Aidoru per la rassegna “Rocca gira e gioca” alla Rocca Malatestiana di Cesena con spettacoli per bambini e e incontri/laboratorio sul riciclo della carta.

Dal 2013 al 2017 si occupa dello spazio bimbi per la rassegna “Artisti in casa-festival di microspettacoli”

Nel 2016 presenta lo studio “Da què a là – partitura per voce e poesia” con la preziosa collaborazione di Annalisa Teodorani (poetessa Romagnola). Lo spettacolo, ancora in itinere, parla in maniera tragicomica, di donne, discriminazione, violenza e femminicidio.

Lavora consapevolmente con materiale di recupero dal 2006 e inconsapevolmente da quando ne ha memoria. Fra i vari materiali utilizzati negli anni, sceglie la carta con cui realizza oggettistica utilizzando quotidiani, riviste, settimana enigmistica etc. Scopre il mondo delle bambole usando le diverse tecniche di cartapesta e nascono così le “Pupoj”.